giovedì 28 gennaio 2010

NOVITA'!...Una ricerca sociale avanzata svela....

...E se tutti smettessimo di lavorare?
Sensazionale ricerca sociologica
svela le pulsioni ancestrali, per cui
esiste la politica della bugia!
Una ricerca unitaria delle Università per la Neo-Diversità-Disgiunta [N.D.D.] svela l'arcano!
Dopo lunghe ed accurate ricerche e sondaggi, esperimenti virtuali ed empirici, si è giunti all'unitaria stesura di una relazione, per alcuni versi controversa ed ostacolata nel corso dei secoli, per cui se tutti gli esseri umani smettessero di lavorare non avrebbero bisogno di negare la realtà.
La dichiarazione è stata diffusa per conto dell'inconsapevole supporto dei maggiori governi del pianeta.
Secondo le conclusioni della tesi, per altro controversa ed ostacolata dal mondo dei disoccupati-disabili-pensionati-cassaintegrati-terremotati-exstracomunitari-ecc., che per riuscire a sottrarsi ai controlli sistematici delle forze dell'ordine costituito, cercavano invano di lavorare giustificando il crimine come "un motivo per sopravvivere", si è parimenti giunti ad un accordo di massima, per cui chi lavora danneggia il sistema.
E' chiaro che l'importanza della scoperta, oltre che donarci una nuova visione socio-filosofica di come rapportarci con questo nemico sociale, apre una luce importante sul pericolo nel quale, era l'umanità tutta, da quì gli studi degli Atzechi per cui ci sarebbe stata una fine del mondo.
Ci sentiamo di affermare, dichiarano gli studiosi, che abbiamo rischiato di estinguerci, per quella falsa credenza favolistico-storica, che ci teneva schiavi all'equazione mentale lavoro-mangiare. Teniamo a sottolineare la nostra approvazione di essere scampati ad una sciagura di proporzioni planetarie.
I principi base di questa scoperta, che darà un futuro più stabile alle nuove classi dirigenti, si basa sulla convinzione che se tutti gli uomini smettesero di lavorare, finalmente si potrebbe notare, studiare, elaborare, tutto un sistema neuro-elettro-informatico, per cui rimanendo allo stato embrionale, l'uomo non avrebbe la necessità di lavorare. Esemplificazioni filmico-fantascientifiche, preannunciavano e saggiavano la coscenza sociale in vista della diffusione di questa ricerca.
La realtà è più complessa, tornano a terrorizzare teorizzando i groppuscoli di estremi conservatori del sistema casa-lavoro-famiglia-amore-figli-scuola-ecc.. l'uomo è un animale sociale, come le scimmie, i lombrichi, le galline, quindi hanno bisogno di un pollaio-terra-banana, che confermi la loro esistenza, senza il quale si incorrerebbe in una catastrofe di dimensioni bibliche.
Sconcertanti dilemmi reazionari, tuonano dalla N.D.D., abbiamo conferme illustri della nostra teoria, anche da quelli che sono i comportamenti dei maggiori leader del pianeta, specie di quello Occidentale. L'Oriente, dalla sua, rimane in meditativo silenzio, in attesa di ulteriori informazioni precise sulle scoperte di giacimenti di gas e petrolio sulla Luna.
Per conto nostro, visto che siamo un'organismo paritario e paripatetico dell'informazione, ci limitiamo ad disinformare la forma ed infornare lo sfornato.
AVANGAR-DanMas-danijelCopy2010



1 commento:

Sill Scaroni ha detto...

Si dice in particolare di alberi carichi di frutti ...