domenica 7 giugno 2009

Allora ragazzi, non vi sembra che questa storia del terremoto in Abruzzo, assomiglia tanto ad un film di Tarantino? Già! Diamine come giocano sulla pelle della gente! Il “coglionano” , (che i nani sono bravissime persone e non mi sento di offenderle anche solo avvicinandole ad un viscido simile), il nonnetto sadomaso, dicevo, se ricordate, aveva dichiarato che per risollevare l’economia bisognava “ricostruire”, ecco che dopo l’accordo con i paesi del G-8, america in primis, guarda caso “capita” il terremoto in Abruzzo, bene, bene, vi tralascio tutte le sfumature del caso, rispetto alla singolare figura di Giuliani, quello del radon, (che lavora ai laboratori finanziati dall’america), dell’implicazioni e delle coincidenze scientifiche, con l’uso di HAARP con questo terremoto, ma…cilegina sulla torta, lui, il depravato, si espone in maniera esponenziale, da vero giallo criminale, promettendo mari, monti e perfino dentiere, ottenendo così un consenso tale che mette in moto la macchina della protezione civile, che tanto per non smentirsi, è servita più o meno, a fare quello per cui è nata: mettere sotto controllo il territorio, tipo stato di guerra, vietando la circolazione degli “indigeni”, vietando la possibilità di fare comunella e perfino di bere caffè e coca-cola nei campi, intanto, l’opinione pubblica porta a porta dipendente, si smiela e si svena, finanziando un bel gruzzolone, che lo psicognomo già si era accaparrato, con sotterranei impegni con una certa sinistra, impegnandosi a non cambiare e a prendere per il culo gli Abruzzesi, che di conseguenza, come molti Italiani, credono di punirlo, guarda caso, con le elezioni che si tengono proprio in un periodo dove i soldi dovrebbero servire alla ricostruzione. La frittata è fatta! Il figlio della cupidigia, intasca un ingente provento, e la sinistra vince le elezioni. Poi con il G8, si prenderanno anche i soldi, e se qualcuno strilla…la mano della giustizia militar-golpista, cala come una mannaia, tanto tutta la provincia dell’Aquila è in stato di coprifuoco.
Eh? Che ve ne pare per un film? Non a caso ho studiato “scenografia”.

danijel.

P.S.
Da “bioblu”, a Grillo, e a tutti gli amici che vegliano sul disfacimento di questo pianeta e che forse inconsapevoli giocano una parte di rilevante importanza in tutto questo gioco delle parti, dico: dal “quinto potere” in poi, come potete esser certi che quello che dico non sia vero? Ricordate la finta guerra all’Iran? E le Torri Gemelle, ce le siamo dimenticate? Eh eh eh…Tenete a mente la data.

2 commenti:

marco ha detto...

Ciao Mastro, un bel film, agghiacciante ma forse bello da vedere ;-)
Siamo allegramente fottuti da un bel pezzo: esempio- oggi si dovrebbe votare per le elezioni europee ma....non è l'europa della gente, è la crescita abnorme di trattati come il comecon e la cee, meri trattati commerciali! I parlamentari europei vanno li a favorire leggi per lo scambio di merci, favorire multinazionali ecc.. non je ne po' frega' demeno de noantri come gente (tranne poche ed isolate voci che le fanno star li per folklore e dare una parvenza di democrazia-parola ormai sensa senso non solo da noi italioti-)...non se ne esce, semo troppo decadenti e marci, tutti!
E questo caro mio è del buon sano ottimismo ;-)

danijel ha detto...

...e meno male che siamo allegri;-)
caro Marco, quello che accadrà e già accaduto, come giustamente te dici, è un pezzo che facciamo finta di non vedere, per il quieto vivere, per i figli, per uno straccio di lavoro, per i genitori...ecc.."ma"...mmmmm....me sa' che ci aspetta un bel perioduccio de quelli tipo '71, Dio non voglia! MONTERISI...METTI IN CAMPO LE TELECAMERE!